ALLEANZA PER
LO SVILUPPO E LA
VALORIZZAZIONE
DELL’AGRICOLTURA
FAMILIARE NEL
NORD ALBANIA

Obiettivi - Progetto

L’ORIGINE DEL PROGETTO

L’intervento si realizza nel Nord Albania, l’area più arretrata del Paese a livello socio-economico e politico.
Si concentra su 2 zone rurali confinanti:

  • Zone montane di Fushe Arrez, Puke e Vau i Dejes
  • Pianura della Zadrima

Entrambe le zone sono segnate da una forte identità culturale. L’agricoltura è l’attività economica prevalente, fondata sulla piccola impresa familiare di tipo tradizionale, caratterizzata sia dall’integrazione fra agricoltura e allevamento, sia da strutturali difficoltà nel ricavare da essa un reddito adeguato.

Questa condizione non offre prospettive ai giovani, favorisce l’emigrazione e aggrava la condizione della donna, su cui ricade, a causa di una forte cultura patriarcale,  gran parte del lavoro domestico e agricolo.
Le produzioni agricole sono destinate all’autoconsumo e al commercio informale, mentre l’accesso ai mercati formali è molto limitato. Il turismo rurale è inoltre un asset altamente inesplorato.

Info Generali - Progetto

INFO GENERALI:

  • Paese: Albania
  • Località: Regioni di Scutari e Lezha - Municipalità di Vau Dejes, Puka, Fushe Arrez e Lezha
  • Durata: marzo 2017 - novembre 2020
  • Settori di intervento: Sviluppo Rurale, Empowerment femminile
  • Gruppi target:
  • aziende agricole: 100
  • agenzie veterinarie:10
  • donne rurali: 40
Obiettivi - Progetto

L’ORIGINE DEL PROGETTO

Contesto Locale

L’intervento si realizza nel Nord Albania, l’area più arretrata del Paese a livello socio-economico e politico.
Si concentra su 2 zone rurali confinanti:

Zone montane di Fushe Arrez, Puke e Vau i Dejes
Pianura della Zadrima

Entrambe le zone sono segnate da una forte identità culturale. L’agricoltura è l’attività economica prevalente, fondata sulla piccola impresa familiare di tipo tradizionale, caratterizzata sia dall’integrazione fra agricoltura e allevamento, sia da strutturali difficoltà nel ricavare da essa un reddito adeguato.

Questa condizione non offre prospettive ai giovani, favorisce l’emigrazione e aggrava la condizione della donna, su cui ricade, a causa di una forte cultura patriarcale, gran parte del lavoro domestico e agricolo.

Le produzioni agricole sono destinate all’autoconsumo e al commercio informale, mentre l’accesso ai mercati formali è molto limitato. Il turismo rurale è inoltre un asset altamente inesplorato.

Info Generali - Progetto

INFO GENERALI:

  • Paese: Albania
  • Località: Regioni di Scutari e Lezha - Municipalità di Vau Dejes, Puka, Fushe Arrez e Lezha
  • Durata: marzo 2017 - novembre 2020
  • Settori di intervento: Sviluppo Rurale, Empowerment femminile
  • Gruppi target:
  • aziende agricole: 100
  • agenzie veterinarie:10
  • donne rurali: 40
attivita-progetto-bianco

OBIETTIVO

Alleanza per lo Sviluppo e la Valorizzazione dell’Agricoltura Familiare nel Nord Albania

Il Progetto  si propone di aumentare la sovranità alimentare e supportare lo sviluppo socio-economico sostenibile delle comunità rurali svantaggiate del NordAlbania. Nello specifico l’intervento vuole promuovere lo sviluppo dell’agricoltura familiare attraverso la valorizzazione dei saperi tradizionali, delle produzioni tipiche locali, del ruolo della donna e la gestione sostenibile del territorio rurale nelle regioni di Scutari e Lezha.

attivita-progetto-bianco

OBIETTIVO

Il Progetto  si propone di aumentare la sovranità alimentare e supportare lo sviluppo socio-economico sostenibile delle comunità rurali svantaggiate del NordAlbania. Nello specifico l’intervento vuole promuovere lo sviluppo dell’agricoltura familiare attraverso la valorizzazione dei saperi tradizionali, delle produzioni tipiche locali, del ruolo della donna e la gestione sostenibile del territorio rurale nelle regioni di Scutari e Lezha.

Alleanza per lo Sviluppo e la Valorizzazione dell’Agricoltura Familiare nel Nord Albania

ATTIVITÀ

L’intervento adotta un approccio di filiera. Partendo da un forte supporto alle aziende agricole familiari, si mira a rafforzate le capacità di e i legami tra tutti gli anelli e gli attori di rilievo nella catena agro-alimentare: produttori/trasformatori, rivenditori, consumatori, enti locali.

Attività Preparatorie
  • Allestimento di 4 Sportelli Informativi (1 per Comune)
  • Aggiornamento della mappatura delle filiere agricole interessate
  • Costituzione del FSAF – Fondo Sviluppo Agricoltura Familiare, con 4 Linee di finanziamento:
    • Aree Montane – Linea 1 “Allevamento” + Linea 2 “Pascoli”
    • Aree di Pianura – Linea 3 “Agricoltura biologica” + Linea 4 “Turismo rurale”

ALLEGATI SCARICABILI:  MANUALE OPERATIVO e CfP-Anno1-Linea1

Strategia di intervento (articolata su 4 assi)

Asse 1 – Aree montane. Ha come obiettivo l’accrescimento della capacità produttiva di aziende familiari attive prevalentemente nella filiera ovi-caprina nelle aree montane delle Municipalità di Fushë Arrëz, Pukë e Vau Dejës.

Asse 2 – Aree di pianura. Ha come obiettivo l’incremento della capacità produttiva e ricettiva di aziende familiari attive prevalentemente nella filiera orti-frutticola e nel turismo rurale nelle aree di pianura delle Municipalità di Lezhë e Vau Dejës.

Asse 3 – Mercato. Mira a favorire l’accesso al mercato di prodotti agro-alimentari tipici delle aree target.

Asse 4 – Donne rurali. Ha come obiettivo l’aumento della consapevolezza da parte delle comunità beneficiarie rispetto a ruolo e potenzialità della donna nell’economia rurale attraverso iniziative pilota

Impatto del progetto
  • 80 aziende agricole familiari attive nella filiera ovi-caprina nelle aree montane e 20 aziende agricole familiari attive nella filiera orto-frutticola e nel turismo rurale beneficeranno di formazione, assistenza tecnica e finanziaria nello sviluppo delle loro attività.
  • 40 aziende agricole familiari attive nella filiera ovi-caprina nelle aree montane e 10 aziende agricole familiari attive nella filiera orto-frutticola e nel turismo rurale beneficeranno di formazione e supporto nell’accesso ad altre fonti di finanziamento.
  • 10 agenzie veterinarie 25 tecnici agricoli operanti nelle aree interessate dal progetto beneficeranno di attività di formazione.
  • 40 donne che vivono nelle aree rurali interessate dal progetto saranno coinvolte nell’attività volte a rinforzare il ruolo della donna nell’imprenditoria rurale.

MATERIALI DI PROGETTO

alleanza_multimedia_

FOTO E VIDEO

icona-4_news_B

NEWS E TESTIMONIANZE

FLORINDA E GIULIA SONO ARRIVATE IN ALBANIA

Florinda e Giulia sono partite per svolgere il loro anno di Servizio Civile a Puke in Albania. Ecco le loro presentazioni!!

IL SUCCO DI FRUTTA PIÙ BUONO

Il racconto di Elena Zurli, partita a novembre per l’Albania con il Servizio Civile Nazionale.

PICCOLI SCORCI DI VITA ORDINARIAMENTE INCREDIBILE DALLE MONTAGNE ALBANESI

Racconto di Daniele, volontario RTM in Albania con il Servizio Civile Nazionale Estero.

INTERVISTA A GIUSEPPE, VOLONTARIO RTM IN ALBANIA

Intervista a Giuseppe, volontario RTM in Albania del nord.

ALTRI PROGETTI ATTIVI NEL MONDO

Les enfants citoyens

Paese: Madagascar

Il progetto intende garantire ai bambini di Manakara lo status di soggetti di diritto attraverso il rafforzamento della scuola primaria, della famiglia e della comunità nei quartieri più poveri della città.

EQUITE – Education de qualité pour l’inclusion et l’égalite

Paese: Madagascar

Il progetto intende migliorare le condizioni di vita delle famiglie più bisognose con bambini in età scolare, assicurando l’accesso ad una scuola di qualità, con particolare attenzione all’inclusione sociale e l’uguaglianza di genere e dando priorità alla resilienza delle famiglie monoparentali e alla scolarizzazione dei bambini.

PACE – Partnership for a new Approach to early Childhood Education

Paese: Palestina

Il Progetto PACE intende supportare il Ministero dell’Educazione e le istituzioni educative private palestinesi relativamente alla componente servizi educativi per la prima infanzia in Cisgiordania. L’obiettivo è quello di  accrescere la qualità, l’accessibilità e la sostenibilità del sistema dei servizi educativi della prima infanzia stimolando il partenariato pubblico-privato.